Racconti Erotici - RossoScarlatto Community
RossoScarlatto Community
.: :.
Racconto n° 2152
Autore: Alejandra Altri racconti di Alejandra
Aggiungi preferito Aggiungi come Racconto preferito
Contatto autore: Scrivi all'Autore
 
 
Lettori OnLine
 
Romanzi online
 
Rebel II,  la conferma di ogni sospetto Thunderstorm II, la storia continua Rebel, una moglie al di sopra di ogni sospetto Jakira, il piacere dell'attesa. Veleno, scorre dentro il sangue e ti porta via. Mannequin, il successo e la riconoscenza Cremisi, il colore del dolore, dell'attesa e della passione. Charlotte, il profumo dell'oblio. Whore, una strada senza ritorno nel mondo delle Escort di lusso. Legality, le perversioni di una Star della musica.
 
 
Frammento d'ambiguità, in favola
Lui non si cura del tempo, del vento che all'esterno del loco come ballerino freddo culla gli alberi oltre le finestre.
Non si cura dei lumi accesi nella notte; è Lei a farsi Volta Celeste, la sua. Contro d'Ella lui sbatte impazzito le ali dell'anima.
Non gl'importa del giorno celato dalla fitta foresta, il giardino tetro che custodisce il castello.
Non gl'importa del nascere giovane dell'alba o del morire in colori fiochi del tramonto oltre il capo della cittadella.
Lui è in amore, non conta gli attimi, non se ne cura.
Né cibo.
Né sonno.
Vive e si nutre spogliandosi in Lei... nuda la sua Esistenza batte dilatando quel corpo.
Par arrogante, padrone della sua amante, par sicuro violandola così a fondo, eppure si sente tradito dall'ardore.
Follia.
S'inverte il ruolo.
Sente il sortilegio frantumargli la ragione.
Sbriciola le viscere.
Lei lo possiede accogliendo il sesso virile nelle cellule più nude del corpo.
Nell'ano femmineo lui scoppia i propri gemiti.
Torce il corpo come una corda affogata su se stessa.
Lui è risucchiato da Lei.
L'arroganza fonde il cuore, collassa, schiuma il liquido cardiaco che dalle fibre interne del torace gli percorre veloce le vene gonfie.
S'avvelena.



"...credete che sia io a vincerVi?
No... sono Vostro Servo.
La mia vita Vi appartiene..."


Parla, gode, ansima violento in quel delirio. La ascolta urlare il nome, quel suo nome mentre Le schiaccia la carne.
Adesso intenso la trafigge, Le si spinge sulla schiena, Le bagna la pelle di saliva.
E' lui a colare ora. La di lui bocca si fa vagina virile.
Si bagna sotto la lingua, s'imperLa femminea...
Gocce sull'epidermide di Lei, rivoli lucidi e caldi dalla di Lui bocca sporcano d'amore quella schiena magra, sulla quale piegato, Le spalanca il corpo.


--


Sterpaglie (alghe) - sottomesse -
quando l'occhio marino

duole

a scorgere (lumi) - vite -
tra le fette dei gusci.

Gli umori degli scogli
- disseminano -
lo sperma del sole.

E viceversa.




Alejandra



Alejandra

Biblioteca
 
Community
Redazione RS
Novità
Biblioteca

Biblioteca

 
.: RossoScarlatto Community :.