Racconti Erotici - RossoScarlatto Community
Racconti Erotici Racconti Erotici Racconti Erotici Racconti Erotici Proponi racconto alla Redazione RossoScarlatto Village Community Registrazione Community Forum Racconti Erotici Racconti Erotici Online gratis
RossoScarlatto Community
.: :.
Racconto n° 2498
Autore: LaDispettosa Altri racconti di LaDispettosa
Aggiungi preferito Aggiungi come Racconto preferito
Contatto autore: Scrivi all'Autore
 
 
Lettori OnLine
 
Romanzi online
 
My Story, il coraggio di affrontare la verità Una Storia, cronaca di un mistero irrisolto La schiava, una storia oltre il limite del desiderio Danger, il pericolo viaggia nella mente Thunderstorm II, la storia continua Eyes Un filo sottile che lega un uomo e due donne. Thunderstorm, un incontro sotto la pioggia Debacle, il prezzo della verità. Thunder, eco solenne d'un lampo africano. Darkness, cronaca romanzata di una messa nera.
 
 
Lettera di un'aspirante timida voyeur
Cara Giulia,
oggi l'ho vista di nuovo sai? Ero seduta sul divano, in televisione c'era - Romeo+Giuliet - . È bellissima la scena dove Romeo guarda Giulietta attraverso il vetro dell'acquario, non trovi? Anch'io la guardavo attraverso il vetro. Tra la mia e la sua finestra ci saranno stati cinque o sei metri al massimo, e lei come ogni volta è entrata in camera chiudendosi la porta alle spalle.
Ha acceso la radio e, a piedi nudi, ha fatto una piroetta su se stessa cadendo sul letto. Chissà che musica stava ascoltando. Per me non era altro, come ogni volta, che una sirena muta rinchiusa nel suo acquario.
Si è sdraiata di schiena ed ha preso un cuscino mettendoselo sotto alla testa, poi ha sollevato, con le mani aperte, la gonna. Le piace sentir strusciare il tessuto sulla pelle, sai Giulia? Me ne sono accorta da come sfrega la gonna sulle cosce nude; lentamente la fa scivolare in alto verso la vita e poi solleva il bacino facendola salire aderente oltre il culo.
Le mutandine no, non le toglie mai invece. Le lascia al loro posto a coprire il taglio della fica come fosse un segreto da proteggere. Però toglie la maglia, questo sì. La sfila lasciandola sempre sul bordo del letto, rovesciata.
Oggi poi ha abbassato le spalline del reggiseno quasi fino al gomito ed il seno è uscito delicato da sopra. Sembrava ancora più alto e sodo a vederlo così, pressato leggermente mentre ne stringeva uno nel palmo. Vedevo netto l'anello scuro del capezzolo, dritto e appuntito non appena lei lo ha sfiorato con le dita.
Con l'altra mano si accarezzava il ventre, poi è scesa a giocare con l'elastico degli slip. Lo sollevava, lo tirava e poi lo faceva tornare con uno scatto al suo posto, come se sapesse che io ero lì a guardarla e conoscesse la mia agitazione.
Era quasi un mese che, ogni giorno e circa sempre alla stessa ora, lei si sdraiava sul suo letto e si masturbava.
Ed era quasi un mese che, ogni giorno e circa sempre alla stessa ora, la spiavo dalla finestra del mio soggiorno.
Ma la sua fica, cara Giulia, non sono mai riuscita a vederla.
Lei infilava una mano nelle mutandine e toccava il clitoride con i polpastrelli, di questo ne sono certa. E lo so perché conoscevo bene quei movimenti delle dita; delicati, circolari come un vortice che parte lieve e poi si fa violento portando con sé tutto ciò che incontra.
E quando oggi l'ho vista inarcare la schiena come una gatta e mordersi le labbra, ho pensato che stesse per venire ed ho attaccato il naso alla finestra.
E invece no.
Lei non è come me e te, Giulia. Io e te sembravamo due animali impazziti quando facevamo l'amore, te lo ricordi?
Lei no.
Lei il piacere lo insegue e quando lo ha raggiunto lo lascia scappare.
Lei col piacere ci balla.
È un tira e molla continuo il suo masturbarsi.
Arrivare all'apice con foga e riuscire a fermarsi solo un attimo prima che esploda.
Poi la vedo rilassarsi, chiudere gli occhi, ansimare finché il respiro non si fa lento, e riprendere a toccarsi ancora subito dopo.
La mia fica era bollente mentre la guardavo oggi. Sarebbero bastati due colpi, due delle tue carezze mia cara Giulia. Sarebbe bastata la tua mano lieve ad appoggiarsi di piatto sul taglio della fica e ad aver premuto un po', solo un po'.
Sarei venuta tremando nella tua mano.
Anche oggi l'ho vista tendere il collo all'indietro, premere il cuscino e quasi affondarci dentro con la testa. L'ho vista anche oggi pizzicarsi quel capezzolo dorato ormai dolorante e farlo crescere e indurire mentre lo tirava, tra pollice e indice, verso l'alto. Le ginocchia piegate e divaricate mentre mandava a fondo la mano tra le cosce nascosta da quel filo di tessuto.
Era arrivato il momento per lei di godere, finalmente, e ho pensato a te Giulia, l'avresti mai detto? Ho pensato a te donna di miele mentre a quella donna brillavano gli occhi per l'arrivo di quel piacere a lungo rimandato.
Potrei giurare che poco prima dell'orgasmo si è voltata a guardarmi.
Potrei giurare anche di averla sentita, mentre godeva, urlare e gemere e respirare attraverso i vetri spessi di quel nostro acquario.
Invece mi sono accorta che a gemere ero stata io, con le mani umide di miele a formare fili di ragnatela quando ho allargato le dita.
Ne ho infilate due in bocca e ho succhiato forte, respirando a pieni polmoni, e passandoci in mezzo la lingua. Poi ho guardato di nuovo la donna, ancora distesa, e l'ho vista, cara Giulia, leccarsi le labbra.
Come una gatta.

LaDispettosa

Biblioteca
 
Community
Redazione RS
Novità
Biblioteca

Biblioteca

 
.: RossoScarlatto Community :.