Racconti Erotici - RossoScarlatto Community
Racconti Erotici Racconti Erotici Racconti Erotici Racconti Erotici Proponi racconto alla Redazione RossoScarlatto Village Community Registrazione Community Forum Racconti Erotici Racconti Erotici Online gratis
RossoScarlatto Community
.: :.
Racconto n° 2601
Autore: Rossogeranio Altri racconti di Rossogeranio
Aggiungi preferito Aggiungi come Racconto preferito
Contatto autore: Scrivi all'Autore
 
 
Lettori OnLine
 
Romanzi online
 
Una Storia, cronaca di un mistero irrisolto Whore, una strada senza ritorno nel mondo delle Escort di lusso. Confidence, le confessioni di una escort Perfidia, il desiderio oltre la ragione Rebel, una moglie al di sopra di ogni sospetto La collina dei ciliegi, trasgressioni inaspettate. Destiny, un incontro avvenuto per caso Il Diavolo e la Contessa, sogni fuori da ogni controllo Velvet, donne al di sopra di ogni sospetto. True lies, le vere bugie di una donna dalla doppia vita.
 
 
Olč !
Ole'!

Sulla scia della memoria, volo attraverso gli spazi feroci del Sud, lungo un rigagnolo di metallo fuso, la cui sorgente scintilla come una lama.
Sono una freccia puntata verso Granada, la distesa di pallide montagne azzurre per un popolo cortese e ferino.

Ole'!

E' il grido che attraversa le menti inferme di questo pubblico che scende alle mie spalle, come un'appendice delirante, lusingata dal proprio ego efferato.
Straniera tra la folla, osservo le guance colorite degli iberici, con denti bianchissimi e fazzoletto legato al collo, in uno sciame di risate insaporito da idiomi rozzi ed ebbri.
Gli odori sono inattesi: grasso scoppiettante nelle padelline per friggere ciambelle, profumo di terra appena smossa, odore di selvatico, di sudore, e di sterco d'animale confinato.
Tutti applaudono cupidi, lusingando il vizio e la mollezza di questo giorno febbricitante: un festino pittoresco, ricco di sensi.
Il domatore teme la folla, immagina che tutti gli occhi leggano i suoi triviali pensieri.
Vuole impedire da solo, che il pregiato toro bianco gli avveleni le lacrime rosse raccolte nel fondo degli occhi.
Bello, sinuoso, generoso, risoluto, continua ad aumentare la sua audacia con l'eleganza del portamento, pregustando chissą quali conquiste e soffici e sontuosi amplessi, nel trionfo che deve ancora venire.
L'arena č aspersa di sangria, le botas svuotate come celebrazione della sua ultima prodezza.
Una spada inveisce contro il fianco carnivoro della fiera e il giubilante campione si svela dalla cappa scarlatta, brandendo nella mano non impegnata dalla muleta, un daga diritta e tagliente.

Pantaloni alla zuava di camoscio, stivali neri, una marsina rosso fuoco con gli alamari dorati e una cascata di riccioli color del corvo.

- Signore e signori, inizia lo spettacolo - .

Moro, virile, dal gesto austero, col suo garbo leggiadro si presenta davanti a me con un mezzo inchino: - Desea bailar Senorita? - .
Ha gli occhi spalancati, smaniosi, nel fulgore irradiato dell'anfiteatro acceso.

L'inconsulta, la vanagloria si precipita a metter in subbuglio le mie viscere ridestate, nello sterquilinio di un'insana, geniale, improvvisa e lucida follia.

La guitar ci accompagna alla volta di noi due.

Scivolata dentro il perimetro della scena, affondo i chiodi del tacco di fronte a lui in una cascata di passi in crescente potenza e snodo all'aria il mio ventaglio di merletto di Siviglia.
Incedo con un movimento lento, sollevando con riverenza i lembi della gonna vaporosa.
Ole'!
Gli ritmo in girotondo e inizio a dimenare.
Libera e forte nelle mie figurazioni, mi palpo le tempie, mi accarezzo le guance e regalo a vicenda lo scrocchio delle nacchere negli anelli della trachea.
Poso l'indice della mano ai lati delle mie spalle, la percussione č una specie di muggito armonico che ordina all'idiofono di vibrare i colpi.

Il toreador č livido, si asciuga il sudore con il fazzoletto che non puņ strizzare e come in un ascolto strumentale, si sfiora le natiche e mi slaccia la camicetta.

Con la mano lui accompagna la musica al suo sesso, spinge in basso come per svuotarlo, all'intonazione naturale e affascinante del nostro intimo fandango.

Schioccano le dita. - Pitos! -

Una visione dell'altro mondo, avvicinarsi senza toccarsi, la gestualitą del ballo con l'altalena del bacino, il liuto magico del risucchio nella cornice di sapori, mentre il coreico intorno, incita l'epilogo finale, in una ridda addolcita tra le lunghe note della nostra melopea.

- Los toros! -

Stringo le cosce e provo l'impulso diabolico di sfidarmi anch'io, di farmi palpare, a centrare nel miele che tengo sui fianchi.

Legata ai miei cordini non ci togliamo gli occhi di dosso, e consumiamo i nostri dardi accesi, in un affresco terso della nostra complessione.

Gli č difficile resistere a tanta insistenza, allunga le braccia e leva i guanti bianchi, pavoneggiandosi del suo coraggio. Imposta la mossa e mi afferra i capelli, per sgocciolarmi addosso la sua viscositą affrancata.

Con i polsi legati alle valve, bevo con le mie labbra dalla bocca villosa e maschia e spingo gaudente la lingua dentro, a pregustare ogni possibile voluttą esotica.

Avida ho l'impulso di catturarlo e sentirlo vogare infondo alla gola e danziamo sino al limite della storia, sospesi al ritmo arrembante dei nostri passi.
Volteggiamo con lo schioccare ritmato delle dita, la sinuosa ondulazione delle mani, il battere continuato dei tacchetti a seguire gli impulsi sonori delle vibrazioni, nel turbinio dei sensi e del lirismo dei violini.

Tutt'intorno il coro affamato del suo celebrato nome, misura la febbre del nostro delirio; il rapido ansare dei corpi amanti, senza poter spezzare i lacci nel composto di impavide sequenze.

Per gli artisti che hanno guadagnato l'arena nelle eccelse altezze delle note meravigliose, i picadores golosi sublimano festosi e la sarabanda fulmina in un'apoteosi romantica, a cullare tutti i corpi e gli spiriti.

Allora capisco che non ho nulla da temere.

La vacca danzante che consuma i limiti della resistenza e in un ritmo crescente castiga con le proprie mani a proteggere la fiera, le guance incise di fonti perfette da sembrare recisa la mappa dell'errore, il cazzo glorioso e furioso che č dentro ed infilza in una sola stoccata:
Ole'!

Un periscopio alla rovescia che sprofonda e vede fiumi di secrezioni, di ricchezza e di coraggio.
Come in una dilatata allucinazione zooptica, l'esito finale appartiene solo alla musica.
L'ultimo mio capriccio nel forno di quella lontana terra, dove i matadores nell'intimo restano scorticati dagli incubi d'esagitati furori, come anime alla deriva, il cui modello č solo retaggio d'atroci e folcloristici supplizi.
Esco dalla plaza de toros al tramonto e sono felice.
Un'ipnotizzatrice esperta č riuscita a cancellare un'antica reminiscenza.
Il toro č salvo, almeno questa volta.

Rossogeranio

Biblioteca
 
Community
Redazione RS
Novità
Biblioteca

Biblioteca

 
.: RossoScarlatto Community :.