Racconti Erotici - RossoScarlatto Community
Racconti Erotici Racconti Erotici Racconti Erotici Racconti Erotici Proponi racconto alla Redazione RossoScarlatto Village Community Registrazione Community Forum Racconti Erotici Racconti Erotici Online gratis
RossoScarlatto Community
.: :.
Racconto n° 3080
Autore: Faber Altri racconti di Faber
Aggiungi preferito Aggiungi come Racconto preferito
Contatto autore: Scrivi all'Autore
 
 
Lettori OnLine
 
Romanzi online
 
Thunderstorm II, la storia continua Exhibition, sembrava solo un gioco. Escort, un gioco che può cambiare la vita Confidence, le confessioni di una escort Inquisitio, quando il dolore si fa piacere. Gebebeh, l'antico aroma dell'altopiano. Libero Arbitrio, il tempo dell'intrigo. Destiny, un incontro avvenuto per caso Inquisitio, quando il dolore si fa piacere. Thunderstorm, un incontro sotto la pioggia
 
 
Qwerty
Q.W.E.R.T.Y.U.I.O....
L'uomo è seduto e gioca coi tasti. Dovrebbe scrivere.
Forse anche vorrebbe, nella giornata di luce argentata. Che quando piove, di una pioggia a mezzo sole, ogni colore sembra farsi argento scuro, un poco opaco.
Argento di quello un po' pesante, nato che già sembra antico, argento di un qualsiasi monile indiano.
Rilegge la fila di lettere battute sullo schermo. Quasi svogliatamente.
In fila da sinistra a destra, la prima riga alta di lettere che abbiano un senso possibile, assemblate, in file rigorosa, sinistra – destra, dopo la sequenza degli F1 a salire e i numeri con i segni di interpunzione shiftati. Le ultime lettere che ha scritto scrivono IO.
E allora, per scivolo naturale, casualità di tasti o impellenza segreta della testa, pensa.
Io.
Che pensare è dolce malattia e al tempo stesso cura vigorosa di desideri e motore delle gambe, delle mani, del sesso che ora carezza, si scopre anzi a carezzare con crescente voglia e risposta, senza nemmeno rendersene conto all'inizio, dentro i pantaloni.
La vede, oltre monitor e tasti, nella luce argentata della pioggia, filtrata oltre i vetri imperlati. Di gocce dispettose cadute non diritte, ma spinte da venti imprevedibili, nemmeno percepiti, caparbiamente, isolate in attesa di scivolare e finire sul davanzale anch'esse. Eppure nate per stare lì sul vetro forse, scostate e separate.
La vede che risponde, all'immagine della sua non più inconscia né celata carezza su se stesso. La vede spogliarsi delle sue parole, senza che lei nemmeno osi alzare il viso per specchiare i suoi movimenti dentro il suo manifesto piacere mentre, compiaciuta e quasi stupita lei lo guarda.
La vede farsi piccola, quasi all'istante, abbassando lo sguardo come tutta risposta. I primi movimenti di lei sono quasi infantili. Tradiscono, coniugati con la voglia di obbedirgli e di rispondere al suo toccarsi, quasi imbarazzo.
Poi, mano mano la vede diventare più sicura, quasi studiare gesto dopo gesto, come se cercasse in sé, nei suoi cassetti mille doni. Che ogni gesto possa essere un regalo offerto alla sua eccitazione è quello che probabilmente la ragazza dentro di sé pensa..
Così la camicetta resta, sbottonata, socchiusa. Dopo che lei ha avuto ragione di ogni bottone, lenta, uno dopo l'altro li ha sconfitti con calma inesorabile e perfetta.
Sulle coppe nere, tenda di camicetta, ricamate, che le imprigionano e imprigionano il seno.
Oscilla ad ogni movimento, apre e si chiude su se stessa, e si fa velo. Scopre e cela. Il seno, l'ombelico carico di ombre e chiuso come un fiore sul suo ventre.
Scioglie i capelli che lui le fa portare quasi sempre legati sulla nuca, in una coda stretta. Quando escono fuori.
Perché chiunque al suo collo veda il suo strano monile.
La collana di maglie metalliche, preziosa, così simili a quelle di una catena. Da non permettere a nessuno di passare inosservata. Posata morbida sulle fosse del collo alla gola.
Lei sgancia ora la gonna.
Ruotandola sul fianco, sollevando leggermente l'anca a lato. Le dita delle mani ad armeggiare sicure ma senza fretta alcuna sul fermaglio, sollevandola di lato a scoprire lembi di coscia sotto. Velata solo dall'ombra di una calza di cui, la gonna sollevata a lato, scorge , scuro, sulla pelle pallida di inverno, ora il confine. La breve lampo che scorre docile e scende fino alla sua fine.
La ragazza non aiuta la gonna a calarle lungo le cosce, la tiene, aperta, libera, sospesa un istante ancora alta con le dita delle mani. Poi la lascia precipitare ai piedi.
Al centro della gonna. Le cosce accostate, nude in alto e poi scure della notte di nylon velato che le ammanta.
La gonna che si piega al suolo su se stessa. Si compone in un alone irregolare di tessuto ripiegato a caso in mille pieghe. Lei allarga i piedi fino a toccarla, si scostano le cosce e si apre il suo compasso di gambe, e migliora il suo equilibrio ferma lì davanti.
La camicetta libera anche in vita ora si allarga. Con gli occhi chini lei sfiora con lo sguardo un seno.
Porta le mani lì, al piccolo gancio nascosto tra le coppe. I seni che si accostano mentre lei tira il tessuto fino ad aver ragione del piccolo gancio anteriore.
Sa, senza alzarli per guardarlo, che gli occhi di lui non perdono un istante, un gesto. Nemmeno uno solo. E avrebbe voglia, tanta di raccogliere da quegli occhi soddisfazione per il dono che gli sta facendo.
Della sua bellezza. Della sua seduzione.
Resta invece a guardarsi le mani. Ad occhi chini guarda le sue stesse dita tenere vicine le due coppe appena liberate. Poi libera i due lembi di tessuto, e la tenda di coppe e mani si ritrae a lato. Lasciando liberi i suoi seni. I capezzoli grinzosi e scuri. Strozzati già e rabbrividiti su se stessi dal calore umido dei suoi pensieri.
Lascia scivolare una spallina. L'altra. E le bretelline sottili e nere sono alla piega dei gomiti un istante, prima di liberarsi dalle braccia e raggiungere il suolo.
Per liberarsi del reggiseno ha dovuto flettere le spalle, indietro, avvicinando le scapole tra loro, un poco flessa.
Gonfiando e offrendo in fuori ostentato e fermo il seno. Nel tempo di un respiro.
Che implacabile lo gonfia.
In piedi, adesso, davanti all'uomo, con le braccia accostate ai fianchi. E il capo basso e gli occhi fissi a terra.
Il laccio nero a cingerle il polso che le sfiora la gamba, simbolo pagano di guerriera, prigioniera, lei si lascia percorrere e guardare. Esplorare dagli occhi e dai pensieri di lui che con quegli occhi e col pensiero la circonda. Quasi fisicamente, Tangibilmente, al punto che lei, sotto le sguardo che pure non osa incrociare, ha un brivido. A, correrle salendole la schiena, a morirle tra le spalle.
Rimane lì, come aspettando qualcosa che deve succedere sicuramente. E non succede.
Era esattamente quel nulla così denso la sua attesa.
Prima di accostare le mani ai fianchi, all'elastico che sottile li segna, nero.
A farlo scivolare. E con lui il sottilissimo lembo che si ingrotta, nascosto nel solco del suo culo.
Si flette, nel farlo, e il seno le si riempie. Sotto di lei china in avanti, a sollevare prima una caviglia, poi l'altra.
Fino ad aver ragione dell'ultimo, piccolo, fragile, indumento nero.
Poi si raddrizza, al suolo le tracce scompigliate della sua svestizione.
Le gambe, nere fino alla fine delle cosce, poi così chiare per contrasto, oltre l'orlo più scuro delle calze, un orizzonte di carne.
Il sesso nudo, disegnato dalla pieghe morbide. E non celato, per uso ed abitudine e capriccio lui così la vuole, in alcun modo da alcun pelo. Le labbra gonfie sino a sembrare un po' infantili, bocca di fica senza rossetto e senza stacco di colore.
Il laccio al polso che sfiora il suo corpo mentre lei si muove e il brivido di quel contatto che lei, tremando, non osa né reprimere né celare.
Ad occhi chiusi lei aspetta. Che lui la venga a toccare.
L'uomo alla tastiera sta toccandola. Sta cercandola ad occhi chiusi su se stesso mentre lei adesso è nuda e trema nella sua mente.
Ha abbandonato - qwerty - e - io - sullo schermo immoto.
E, per scivolo naturale, casualità di tasti o impellenza segreta della testa e delle voglie, a lei, sua prigioniera per sua stessa resa, pensa.
Ha sciolto la cintura alta, il primo bottone. La lampo è scesa.
Oltre la lampo ha affondato la mano e dato vita alle dita serrate a pugno.
La sta cercando ora.
La trova e la stringe.
La sente.
La tocca.
Nelle sue stesse mani, con cui si da piacere, ora lei è sua.
E a occhi chiusi a lui sta sorridendo e aspetta.

Faber

Biblioteca
 
Community
Redazione RS
Novità
Biblioteca

Biblioteca

 
.: RossoScarlatto Community :.