Racconti Erotici - RossoScarlatto Community
Racconti Erotici Racconti Erotici Racconti Erotici Racconti Erotici Proponi racconto alla Redazione RossoScarlatto Village Community Registrazione Community Forum Racconti Erotici Racconti Erotici Online gratis
RossoScarlatto Community
.: :.
Racconto n° 3286
Autore: SchiavaDAmore Altri racconti di SchiavaDAmore
Aggiungi preferito Aggiungi come Racconto preferito
Contatto autore: Scrivi all'Autore
 
 
Lettori OnLine
 
Romanzi online
 
My Story, il coraggio di affrontare la veritÓ Una Storia, cronaca di un mistero irrisolto La schiava, una storia oltre il limite del desiderio Danger, il pericolo viaggia nella mente Thunderstorm II, la storia continua Eyes Un filo sottile che lega un uomo e due donne. Thunderstorm, un incontro sotto la pioggia Debacle, il prezzo della veritÓ. Thunder, eco solenne d'un lampo africano. Darkness, cronaca romanzata di una messa nera.
 
 
Continuavo a sentire
Continuavo a sentire con brevi pause i loro lamenti.

K. protendeva in avanti, stretta da quelle grosse mani sembrava spezzarsi. Sentivo rimbombare l'eco del sangue che mi pulsava nel cervello, le luci guizzavano come bagliori, davano un'impressione terribilmente sensuale.

La spossatezza mi schiacciava, sotto il peso di un altro corpo non riuscivo pi¨ a sostenere le braccia. A poco a poco precipitavo, sempre pi¨ indolente, come se mi disfacessi.

Pregavo che l'alito caldo del Maestro Doi mi prendesse in mezzo alle gambe, ma si incanalava e rimaneva fermo, a ristorarsi con i piccoli ruscelletti che il lavoro operoso dei membri aveva ammonticchiato.

I corpi odorosi erano pregni di una forza latente. Rina, inginocchiata, Ŕ stata riportata indietro, rivoltata come un fazzoletto e pesantemente trascinata su un letto. Incapace di contemplare l'andirivieni di ciascuno, attraverso la seta rigida che ne avvolgeva gli occhi, Rina restituiva il languore dal respiro sollevando cupamente il petto. Si crogiolava nell'incertezza dell'uomo che gettava l'amo nel suo involucro gemente, mantenendo tuttavia il suo sguardo muto e altrove e chino, destinato all'uomo che nel frattempo rifluiva a temporale con parole d'ordine.

Avvolta in gioiose aspirazioni, in un altro angolo di quella famigliaritÓ, come il tuono ammansito pronto a trasformarsi, mentre per via di ogni uscio i Signori si tuffavano nel mio piccolo negozio, io ardevo di un fuoco rovente che teneva in esercizio gli arti legati. I corpi che apparivano al di sopra delle mie membra sembrava si ingigantissero. Come un animale selvatico sempre a disposizione mi facevo piccola, mi appiattivo, implacabile di struggermi all'evidenza del Tuo sguardo.

Ero vagabonda di desiderio quando mi hai afferrata levandomi le braccia in alto, pressochÚ allo stesso istante, lasciando che mi si trafiggesse con un'amabile bene la cui parvenza non mi hai autorizzata a identificare. Assicurata con i polsi al giusto gancio ho quindi visto il corpo invaso di K., di spalle, sconvolto, sconfinare dalla cornice di uno specchio mentre inseguiva l'allontanarsi del punteruolo che le spariva dentro. E l'ho ammirata, pi¨ tardi, ancora, riposta sopra un fianco, mentre veniva approssimata da un degno successore. Taro, che prodigatosi a mo' di selvaggina, foraggiava di fresco e con dovizia quel bestiale delirio.

Il ragazzo, stanco infatti di pavoneggiarsi accanto a K., si era spinto alla questua, chiedendo che nel suo tenero paesaggio si imprimesse ancora e a piacimento un'incisione profonda.

I suoi occhi diventarono insolenti e impassibili, colpo su colpo, la sua carne si pieg˛ al ritmo tempestoso del torace in ressa del suo culo. Ed Ŕ stato allora, all'ombra fugace del dolore che ne ha solcato la fronte che mi ha invertita la dolcezza, e di quell'improbabile agguato ho recato dono goccia a goccia alla Tua valenza. Mentre mi colpivi a segno. Mentre mi scaraventavi al limite della follia, in alternanza ai greggi accaniti che radunavi per darmi pausa: - gustatevela ľ invitavi, a nutrimento del mio pascolo posteriore.

Mani, lingue e intimi armenti mi hanno pasciuta con i loro liquidi.

Il piacere non Ŕ mai diminuito di potenza, senza risoluzione ho continuato a tramutare in sensibilitÓ smaniosa ovunque mi si toccasse, non sono mai rimasta immune dall'essere plasmata.

Feconda, desideravo essere soltanto il capriccio della Tua natura.




(A Michael e ai legÓmi, maggio 2007)

SchiavaDAmore

Biblioteca
 
Community
Redazione RS
Novità
Biblioteca

Biblioteca

 
.: RossoScarlatto Community :.