Racconti Erotici - RossoScarlatto Community
Racconti Erotici Racconti Erotici Racconti Erotici Racconti Erotici Proponi racconto alla Redazione RossoScarlatto Village Community Registrazione Community Forum Racconti Erotici Racconti Erotici Online gratis
RossoScarlatto Community
.: :.
Racconto n° 3832
Autore: LaPassiflora Altri racconti di LaPassiflora
Aggiungi preferito Aggiungi come Racconto preferito
Contatto autore: Scrivi all'Autore
 
 
Lettori OnLine
 
Romanzi online
 
Rebel, una moglie al di sopra di ogni sospetto Stranger, uno scandalo politico francese Confidence, le confessioni di una escort Menage a trois, un provocazione a cui non si può resistere My Story, il coraggio di affrontare la verità Foreign Affairs, incontri ravvicinati troppo pericolosi Il vizio, storia di una donna che non sapeva amare. Exchange, l'ultimo passo prima del buio. Debacle, il prezzo della verità. Exhibition, sembrava solo un gioco.
 
 
Istruzioni per l'Uso
Conquisterai e dimenticherai: perché?
Perché la forza selvaggia ti animerà e ti strazierà l'anima bella. Ti dedicherai e non ci sarà luogo per la spada, in cui cadere priva di bellezza. La coscienza sarà veramente così, come se fossi pazza, una porta spalancata all'improvviso su cui la ragione sarà nulla o incoerente.
Tu, donna, sei natura sensitiva e morale. L'uomo deve andare oltre i tuoi confini ed essere estremamente creativo per non confondersi e capirti.
La chiarezza non tratta appunto di gara, anche se sai, la sfida, ti piace, per ragioni di genere e ignoranza di fronte all'ignoto.
Ma non dovresti renderti imitazione di te stessa per annullare il dubbio che ti porti dietro. Tu sei natura. Sei poesia estetica. L'energia stessa che ti nutre.
Lascia all'uomo il compito ambizioso di teorizzare su di te. Seppure la stanchezza gli sfumerà in indignazione, al pensiero, l'idea, gli rivoluziona già lo sguardo. Quale opera chiamata impossibile non è poi diventata tentazione e gaudio?
La passione è di chi cerca di afferrare un concetto.
L'uomo che ti cammina accanto, mentre tu sei in piedi e ridi, cattura tutto il rosso che sporge dalle tue labbra. Questo rende il tiro improvvisato, aspro, in fin dei conti stremante.
Ma c'è una ruggine che crolla dal comportamento di lui a questo punto, di solito distratto, in un attimo è restio a non guardarti. Ti osserva attentamente.
Così piano, entri in lui, velocissima ti volti e per via dell'odore improvvisamente lui si ferma; guarda in giù, sulle sue mani, sul vecchio giaccone di traverso mentre si avvicina con cautela, senza capire ancora, alla meglio.
I corpi si bloccano allora, per parlare, e tu, donna, alla fine taci.
Lui ha paura quindi. Non ha mai visto oltre l'erezione che recupera interesse, pensa solamente a come cambia il gusto, quando comunque per le strade, tutti i giorni, pullulano odori decisi e attaccano.
Con un certo senso accattivante, dopotutto, sono le pareti umide a macchiarsi e senza che sia necessario dichiarare l'intenzione in mille modi.
A casa, più tardi, il divano pieno di cose inutili, orribili, andrà sempre bene. E butterai tu, donna, ritirandoti in salotto, tutto sul pavimento, metodica, pronta, come se lui lo avesse chiesto ma non ha detto una parola.
Ad un altezza adesso ragionevole, manderai un segno chiaro e lui, non farà altro che seguirlo. Forte, penetrante, prenderà un po' di roba tua davanti e dietro, farà bollire anche il latte che tenevi per domani.
Fino al letto, in mutande, ti chiuderà la gola con una bella spinta e l'odore, il solito, dolce, diverrà aguzzo. Una punta.
Un'esclamazione acuta scrollata a bocca chiusa, con il respiro congedato da tutto quello che il corpo, adesso, aperto ascolta.
Starai stesa al tuo posto, la faccia rosea, la pelle morbida e nemmeno saprai quanto ti è convenuto essere redattrice in tal modo di te stessa.
Deliziosa linea rossa.
Attizzatoio di debolezza.

LaPassiflora

Biblioteca
 
Community
Redazione RS
Novità
Biblioteca

Biblioteca

 
.: RossoScarlatto Community :.