Racconti Erotici - RossoScarlatto Community
Racconti Erotici Racconti Erotici Racconti Erotici Racconti Erotici Proponi racconto alla Redazione RossoScarlatto Village Community Registrazione Community Forum Racconti Erotici Racconti Erotici Online gratis
RossoScarlatto Community
.: :.
Racconto n° 4356
Autore: Riflesso Altri racconti di Riflesso
Aggiungi preferito Aggiungi come Racconto preferito
Contatto autore: Scrivi all'Autore
 
 
Lettori OnLine
 
Romanzi online
 
Timeline, i viaggiatori del tempo Tentazione, un peccato senza tempo. Inquisitio, quando il dolore si fa piacere. Tribe, tre enigmi per un solo mistero. Revenge, una vendetta da servire calda Perfidia, il desiderio oltre la ragione The Best, il gioco delle parti RossoScarlatto, come il sangue del Demone. Stranger, uno scandalo politico francese Il Sabba, notte di fuochi sul lago delle streghe.
 
 
Libellula

Ho aperto le finestre che volgono al mare, recluso dietro arroganti palazzi sorti senza chiedere permesso (da quel angolo le navi entravano in porto). E' freddo stamani. La mente si sgombra dalle ultime pene dell'alba. Il giorno dilaga e il sole si accende scendendo dall'alto sulle cimase di fronte. Ho appena il tempo di annotare queste poche parole sul mio taccuino luminoso. Mi appare snebbiato il passato, mentre non so quel che mi riserva l'oggi e il domani men che meno. Probabilmente nulla, se non il passare delle stupide ore. Devo creare l'emozioni che destano l'animo, fanno vibrare le membra e muovono il mondo. Mi guardo perplesso.
Tu dici - è poesia - , ma cos'è Poesia. Non conosco poesie: sono piccole, storte, contorte parole! Se le leggi non sanno di niente. Continuano, entrano a frotte e ti senti annegare. Tu vorresti cacciarle, dismettere quelle misere ideucole che non dicono niente. Pretestuose, s'ammantano di verità infinite. Invece, non sono altro che la chiave per farsi del male. La sega che ti trincia le dita, la spada che cruenta, infingarda ti spingi nel profondo, laddove si muove il pensiero che sanguina mesto e dilaga fino al cuore. Solite trite parole che vorresti smettere, eppure fanno un male tale che anche tu, che hai visto il dolore, che hai vissuto le normali tragedie dell'uomo, che hai difeso la pace familiare, in silenzio, appartato, tu sembri di sale. Lo so che tu piangi. Il perché non lo sai, ma io posso capire che il trattenuto sfogo sincero è dovuto al riflesso che vorrebbe tradurre in effetto il sogno perfetto che rincorre il tuo stato. Vuote parole di vertigine pregne, ricordare ti fanno che raggiungere non potrai mai la bella fanciulla, che dinanzi ti corre (guardare soltanto potrai da lontano, dimena le anche nell'alternante danza fatale).
Mia piccola Li...bel...lu...l...a, svanita sei, oramai.

Riflesso

Biblioteca
 
Community
Redazione RS
Novità
Biblioteca

Biblioteca

 
.: RossoScarlatto Community :.