Racconti Erotici - RossoScarlatto Community
Racconti Erotici Racconti Erotici Racconti Erotici Racconti Erotici Proponi racconto alla Redazione RossoScarlatto Village Community Registrazione Community Forum Racconti Erotici Racconti Erotici Online gratis
RossoScarlatto Community
.: :.
Racconto n° 4496
Autore: Thierry59 Altri racconti di Thierry59
Aggiungi preferito Aggiungi come Racconto preferito
Contatto autore: Scrivi all'Autore
 
 
Lettori OnLine
 
Romanzi online
 
My Story, il coraggio di affrontare la verità Una Storia, cronaca di un mistero irrisolto La schiava, una storia oltre il limite del desiderio Danger, il pericolo viaggia nella mente Thunderstorm II, la storia continua Eyes Un filo sottile che lega un uomo e due donne. Thunderstorm, un incontro sotto la pioggia Debacle, il prezzo della verità. Thunder, eco solenne d'un lampo africano. Darkness, cronaca romanzata di una messa nera.
 
 
Rosa e petali d'orchidea bianca
Il suo profumo.
Uno squarcio nell'aria di rosa e petali d'orchidea bianca. Nessuna parola, nessun movimento, nessun pensiero, solo linee e luci provenienti dalla sua anima silenziosa, notturna, libera. Eccola. Entra , si siede accanto a me, mi guarda.
La dolcezza del fuoco nel camino e le ombre che si proiettano lungo tutto il suo viso che gentile mi sorride, mi fanno pensare a tempi già vissuti. A quella siepe di ginepro, odorosa e selvatica come i baci che mi rubava e alla sua pelle che già segretamente amavo.
Lì dove tutto era intonso, impalpabile, dolce e rarefatto, lasciavo i miei sospiri d'amore fra le sue braccia femminili e lisce. Mi stringeva attorno ai fianchi facendomi diventare un'unica anima che unita alla sua straripava d'amore per lei. Mi chiedeva di starle sempre accanto. Mi pregava di guardarla negli occhi mentre la baciavo. Mi accarezzava piano, con discrezione, inesperta, paurosa, ma perdutamente bella ed appassionata.
I ricordi.
Le immagini.
Gli odori.
I colori del miele e dell'autunno avevano il suo viso. E le stagioni ci prendevano per mano accompagnandoci in esperienze sempre più audaci e proibite, come quella volta d'estate che in silenzio mi amò in riva al mare, distese fra sabbia ed onde di schiuma nera di mezzanotte... i miei gemiti alla luna, che silenziosa guardava.
Piacere selvaggio e salato. Orgasmi fatati per i suoi occhi scuri e profondi che sapevano di mirto...
Il cielo di stelle era solo nostro, e la speranza che tutto non finisse mai raccoglieva paesaggi contornati di luci e sapori infiniti. La sua bocca.
Il suo seno.
Le mie mani avide.
Giovani ed audaci, vestite solo di lacrime che rigavano i volti per la felicità di momenti vissuti in un unico respiro, dove tutto prendeva il colore del blu incantevole dei miei occhi.
L'amore come un coro.
L'amore come una corrente, come una filastrocca, come il suono d'organo dell'orchestra che, immersa nel golfo mistico, agita archi e sommerge di suoni gli orizzonti che solo io e lei potevamo vedere. Gli anni. Le stagioni che trascorrono, e noi.
Il suono della neve era prenderla per mano e baciarla con sensualità ed erotismo adulto. Lenta, misteriosa, incredula... il freddo ci voleva unite in abbracci teneri, quasi bambini. Il sapore d'arancia nelle mie mani, ed il suo mazzo di fiori per me.
Con solo due soldi in tasca si trascorrevano pomeriggi e fraseggi d'autore nelle sale da thé profumate di gelsomino e menta.
Il suo sguardo mi trapassava l'anima portandomi a volare in cieli sconosciuti dai quali non avrei voluto tornare più, e mentre il confine fra il sogno e la realtà diventava meno evidente, il mio amore cresceva come fiaba dai mille colori, che raccontavo a lei la sera prima di dormire.
La prima notte insieme.
Finalmente sole e lontane dal tempo. Attimi di assoluta perfezione, candele e le sue mani. Era tutto chiaro ora, nessun dubbio nessuna incertezza, nessun rimorso.
Il silenzio della sua voce.
Il desiderio sempre più forte di sentirla dentro di me, ed io dentro di lei con perfetta sincronia, con magica dolcezza, in un crescendo di sospiri e baci profondi. Amanti d'altri tempi, rapite da orgasmi sospesi fra note e gemiti senza limite.
Fuori la pioggia, e dentro ai nostri cuori l'amore eterno.
Il suono del Sitar.
Il rosso, il viola, l'ambra della sua schiena nuda.
Sapore orientale e misterioso creato apposta per quella notte nella quale l'infinito si vestì con i nostri nomi parlando in francese.
Meraviglia fra le mie mani.
Incredulità e felicità.
Lei era nella mia anima ed il suo sorriso prezioso rendeva la mia vita velluto di seta ed oro.
Lei.
Rosa e petali d'orchidea bianca che ancora sento nell'aria al suo arrivo.
Perla di rara bellezza nelle pieghe del silenzio che ospito piano, con discrezione, perché non si possa sciupare mai...

Thierry59

Biblioteca
 
Community
Redazione RS
Novità
Biblioteca

Biblioteca

 
.: RossoScarlatto Community :.