Racconti Erotici - RossoScarlatto Community
RossoScarlatto Community
.: :.
Racconto n° 4500
Autore: Thierry59 Altri racconti di Thierry59
Aggiungi preferito Aggiungi come Racconto preferito
Contatto autore: Scrivi all'Autore
 
 
Lettori OnLine
 
Romanzi online
 
Thunderstorm, un incontro sotto la pioggia Mannequin, il successo e la riconoscenza Timeline, i viaggiatori del tempo Remember, fantasmi dal passato. Brehat, alla ricerca del blu di Chartres Stranger, uno scandalo politico francese Mea Culpa, religione e mistero Tribe, tre enigmi per un solo mistero. Jakira, il piacere dell'attesa. The Best, il gioco delle parti
 
 
Dedicato...
I pensieri in libertà sono oltraggiosi, pericolosi. Cattivi.
Spaziano notturni e soli lungo sentieri che immancabilmente giungono ancora a Te, ladra di sogni.
A Te che, nonostante il tempo e le parole siano state complici di distacco ed acredine, pungi puntualmente i miei occhi, nitida ed impeccabile come una freccia tirata da un arco di precisione. Il suono di una fisarmonica, le note argentine, una musica che ti penetra a poco a poco.
Hai ancora colori, sapori, voglie, desideri, come una bocca mai sazia, come un fuoco mai spento.
Come la prima notte insieme a far l'amore sotto lo stesso piacere già grande, che colava orgasmi al solo sguardo... le bocche incollate, le mani come impazzite e smaniose di carezze e lodi al nostro sesso che gonfio si apriva a spasmi e piacere senza pudore.
Tu.
Tu Regina del tutto e del niente.
Tu.
Implacabile ricercatrice d'Amore, sublime complice di istanti d'assoluto e devoto desiderio scaturito solo dal tuo profumo che riempiva l'aria e dalla tue labbra che senza parlare raccontavano scabrose e violente la loro voglia.
Tu.
Ostinata padrona di tutte le anime, la mia in prima fila accomodata in una poltrona di nuvola... Mai avrei parlato, mai avrei osato contraddire e mai avrei potuto non baciare quel seno che tanto poteva su di me e sul mio Amore mai capito e voluto.
Ti ho rincorsa, straziata e vigliacca per poter zittire il mio cuore e la mia mente, e mentre l'anima riposa, il tuo sguardo si riaccende nel ricordo dei baci e delle carezze, frutti di bacche speziate, che mi donavi languida e distesa sul tuo letto dai colori estivi dell'ambra e del sole.
Maledetti pensieri.
Non trovano un inizio né una fine, non giungono a nessuna meta, non hanno nessun traguardo... vagano, veleggiano, fluttuano frettolosi nei ricordi dei tuoi occhi, perle nel buio,
diamanti incastonati in uno sguardo che ancora mi acceca.
Allora sorrido.
Ripongo i miei dubbi, le mie incredulità, i miei mille perché dentro ad uno scrigno che, in fondo, sono i miei pensieri...ed ascolto.
Ma l'Amore non si compra né si può buttare dietro ad una porta per poi dimenticarsene.
L'Amore e il Disprezzo spesso si incontrano e non sempre si distinguono.
A loro, dunque, vadano i miei pensieri che, notturni, porteranno per sempre il tuo nome.

Thierry59

Biblioteca
 
Community
Redazione RS
Novità
Biblioteca

Biblioteca

 
.: RossoScarlatto Community :.