Racconti Erotici - RossoScarlatto Community
Racconti Erotici Racconti Erotici Racconti Erotici Racconti Erotici Proponi racconto alla Redazione RossoScarlatto Village Community Registrazione Community Forum Racconti Erotici Racconti Erotici Online gratis
RossoScarlatto Community
.: :.
Racconto n° 4591
Autore: Thierry59 Altri racconti di Thierry59
Aggiungi preferito Aggiungi come Racconto preferito
Contatto autore: Scrivi all'Autore
 
 
Lettori OnLine
 
Romanzi online
 
Exchange, l'ultimo passo prima del buio. Inferno, le ombre oscure della rete. Social Game, la tentazione che viene dal Web Gebebeh, l'antico aroma dell'altopiano. Debacle, il prezzo della verità. The Game, il gioco del sesso e della follia. Mea Culpa, religione e mistero True lies, le vere bugie di una donna dalla doppia vita. Sacrificium, la sfida degli dei. Revenge, una vendetta da servire calda
 
 
Canard de rive
Uscì in terrazza senza nulla addosso.
Un filo di perle, una sigaretta fra le dita... sola, offesa. Pensieri nella testa e pelle d'amante che da troppo tempo devotamente si dona. – Incomprensibile.
Non mi avrà mai più... non così, non più qui. La Senna silenziosa mostrava ombre inconsuete, lente, eleganti come le anatre dalla testa di velluto verde, che notturne scivolavano nell'acqua, come antichi ricordi. Amava Parigi e quella sua aria trasognata di chi non c'è ma risponde attenta a tutti i richiami della vita e sente costante quel rumore quotidiano che arriva dritto al cuore di tutti gli amanti, la voce che arriva dai sensi accesi dal suo solo sguardo. Rientrò.
I bicchieri vuoti, le luci soffuse, il sassofono di Charlie Parker ancora nell'aria...
Perdutamente ed irrimediabilmente lei. Lei che bussa alla sua porta femminile rubandole ogni volta un piccolo pezzo di cervello e di cuore, complice la passione e lo sdegno. Perché non chiudere fuori i suoi occhi viola, il suo fare dannato, le sue dita affusolate maestre di tanti orgasmi dipinti di sospiri e speranze.
Perché.
Ancora una sigaretta, l'ultima per questa notte. Il suo odore nelle pareti, il suo urlo di piacere ancora sopra al suo seno, e l'ennesimo senso di smarrimento appena se ne va. Perché. Eppure non aveva giurato amore eterno, né pace, né fedeltà e purezza... nulla. Ma si sentiva attratta da quei suo modi oltraggiosi di chiederle l'amore, lei, così semplice e fragile da apparire quasi trasparente, a suo cospetto diventava la donna del peccato eterno.
Ed ogni volta giurava a se stessa che sarebbe stata l'ultima, e mentre la carnalità la trascinava in spirali di piacere supremo, pensava che avrebbe regalato alla sua bocca avida, le ultime gocce del suo godere, schiava di silenzi fatti di rime folli, dove anche il più intimo desiderio veniva appagato con incalzante ed irriverente maestria.
Ma ancora una volta disse 'si', firmando devozione al sesso che sa di vino rosso e mandorle dolci, nella sua casa che affaccia sulla Senna. Infilò la vestaglia e preparò la vasca con profumi avvolgenti, dopo tutto era da lei che veniva e da nessun altro. Mai avrebbe ricevuto in regalo ore d'amore di tale superbia ed alterigia come fra le sue gambe che lente spingevano, natiche e falli da togliere il respiro. Il suono della sua lingua, il seno che sfrega il suo sesso, la schiena inarcata che riceve il piacere lento e violento che racchiude tutta la voglia pronta ad esplodere su di lei.
Poteva abbandonarsi in fantasie senza limiti, in orge di profumi e di occhi verdi, in immagini viste da angolature e riflessi di specchi, in giochi erotici e travestimenti sempre più scabrosi, solo lei... solo con lei.
Ecco il Danno.
S'immerse nella vasca d'acqua di gelsomino, chiuse gli occhi, respirò profondamente. – Ecco il Danno.
Capì che l'amava, ma ne era schiava. Ed amava le sue mani sapienti che sapevano dove toccarla, dove diventare irriverenti e cattive, dove insinuarsi per poi perdersi nel liquido dolce del suo piacere adulto. Ed amava il suo volto così maschile, così sensuale, così libero. L'espressione della sua bocca e la sua voce dai toni volutamente dispettosi.
Sapeva che sarebbe finita, che doveva finire. Sapeva e taceva. Sapeva ed aspettava.
Il desiderio di lei era sempre più forte e cresceva con impeto e la bagnava nell'attesa, il Danno era fatto. Impossibile resistere a quelle notti francesi così perfette nel loro delirio e a quei racconti d'amore che solo loro sapevano scrivere con la mano del peccato. Era la sua amante proibita, nascosta, giovane, tenebrosa e maledetta. La conosceva da sempre, perché da sempre faceva parte della sua vita... la nipote prediletta, la figlia del suo unico fratello maschio. Magia e follia.
Si asciugò, indossò il suo pigiama di seta blù, slacciando la collana che nel mentre si ruppe, spargendo il tappeto di piccole gocce d'avorio. Si chinò con disappunto per rincorrere le perle ovunque, infastidita e stanca.
Il suono del campanello la spaventò, uno sguardo rapido alla stanza quasi per capire chi potesse essere, ed aprì.
Lei.
In mano una piccola perla d'avorio.
L'ho raccolta per te – disse.
Incredula, con la voce rotta dall'emozione, non trovò parole per risponderle. La collana... non aveva senso, come avrebbe potuto?
Entrò, la strinse a sé e la baciò con passione. Un bacio lento, profondo, inequivocabile.
La guardò negli occhi, puntuale come sempre, e le sorrise.
Le sue parole in un soffio: - Moi et le femmes comme moi, attendent des miracles...
Disse.
Le sfiorò il seno, e la baciò ancora più profondamente. Poi se ne andò, portandosi via tutte le sicurezze che lei credeva di possedere, e sparì nella notte parigina che si affacciava sulla Senna.
Una lacrima sul suo volto ed il suo sorriso ancora negli occhi.
L'amore per lei era immenso e viscerale, e mai l'avrebbe abbandonata. Era perduta ormai e felice di esserlo.
Spense la luce. Anche le piccole anatre dalla testa di velluto verde ora dormivano, accoccolate una vicina all'altra in riva al fiume.
- Moi et le femmes comme moi, attendent des miracles...
La sua voce in un soffio.
La sua mano che stringeva una piccola lacrima d'avorio.
Il Danno era fatto... et je suis à toi.



Thierry59

Biblioteca
 
Community
Redazione RS
Novità
Biblioteca

Biblioteca

 
.: RossoScarlatto Community :.