Racconti Erotici - RossoScarlatto Community
Racconti Erotici Racconti Erotici Racconti Erotici Racconti Erotici Proponi racconto alla Redazione RossoScarlatto Village Community Registrazione Community Forum Racconti Erotici Racconti Erotici Online gratis
RossoScarlatto Community
.: :.
Racconto n° 4614
Autore: Thierry59 Altri racconti di Thierry59
Aggiungi preferito Aggiungi come Racconto preferito
Contatto autore: Scrivi all'Autore
 
 
Lettori OnLine
 
Romanzi online
 
Danger, il pericolo viaggia nella mente Eyes Un filo sottile che lega un uomo e due donne. X Stories, i mille volti di una straordinaria follia The Dreamer, alla ricerca del sogno proibito Destiny, un incontro avvenuto per caso Charlotte, il profumo dell'oblio. Una Storia, cronaca di un mistero irrisolto Mea Culpa, religione e mistero Thunderstorm, un incontro sotto la pioggia Cuba Libre, un sensuale incontro nella magia di Cuba
 
 
Dal diario della follia
Vienna 1848, il 31 marzo
Mio Signore,
gli sfarzi di palazzo mi diventano sempre più ostili ed insopportabili.
A stento riesco a trattenere sguardi di innegabile orrore nei confronti di tutta la corte che,
mio malgrado, mi adora.
L'aria del castello è gaia, pregna di astuta simpatia, ma ciò nonostante vedo occhi che mi scrutano e mi spiano spuntando da ogni pertugio di queste antiche mura, divorando ogni mio movimento ed ogni mio respiro.
Oh quale dolcezza provo, e qual riparo a sì grande senso di smarrimento, tra le pagine scritte in Vostro onore, dove ogni mio turbamento si rilascia ed induce la mia anima a fraseggi di ostinata pace.
Tutto di me si quieta, trovando acqua di sorgente limpida e cristallina che disseta questa mia vita
preda di tutti quei nobili signori che farebbero di me l'imperatrice più ambita di tutto il territorio di Baviera. Il mio cuore è impegnato, mio Signore, ma non è dato a nessuno di sapere su chi poso le mie membra stanche, e respiro piano in un soffio.
I miei pensieri sono solo per quel cuore gentile che di notte mi prende la mano e la stringe a sé, adornandola di piccolissimi fiori dalla corolla blu come i miei occhi, che mai tanta meraviglia han potuto mirare.
E tutte le pietre di palazzo con i loro occhi aciduli ed increduli, sono state spettatrici delle mie fughe per raggiungere quell'anima bella che mi accoglie sempre con desiderio.
La mia stanza ora è vuota, perché ho tolto tutte le mie bambole per donarle a lei, in pegno d'amore.
Il ballo d'onore per una Principessa si terrà al Castello di Possenhofen, fra una settimana.
Ma io non posso sopportare gli sfarzi, e lei lo sa.
Lei per me vuole solo nuvole e fiori e carezze lievi. Io per lei voglio solo baci avidi e lussuriosi, con la lingua che penetra e veloce si fa largo in mezzo alle gambe, sollevando le vesti di seta e broccato. Lei mi ruba urla di piacere smisurato, mettendo pace alle mie paure ed accendendo i miei sensi sopiti.
Mio signore, io per lei darei la vita e pur di restarle accanto, fosse necessario, mi getterei dalla torre più alta del castello, la stessa dove spesso ci incontriamo per trascorrere le ore d'amore più sublimi e peccaminose. Al lume di candela, madide di sudore, gemiti di piacere fanno vibrare la mia pelle ed accolgo le sue mani che sapienti mi hanno insegnato a godere con forza e voluttà. Alza le mie gonne ed insinua la sua testa con ardore di vera amante, succhiando la mia voglia che si fa sempre più forte. Mi bacia e mi penetra dolcemente e lascia che io giochi con i suoi lunghi capelli color del fuoco, lo stesso fuoco che io sento quando mi bacia e a me si dona come atto sacrificale, con profonda devozione. Lei mi ama con passione, io la amo con gratitudine. Lei mi fa impazzire tutte le volte che mi prende e mi fa godere.
Arrossisco, mio Signore.
Pene d'amore io non vorrò mai conoscere, né lei debba mai piangere alcuna lacrima per me,
ma la mia vità è intarsiata da rami reali e da corti di grande importanza, l'aristocrazia è nel mio sangue e prima o poi finirò per perderla, lei la mia ossessione, il mio grande amore, la mia dama di corte.
Al ballo d'onore per una Principessa io danzerò con lei, e solo con lei berrò calici colmi di amore e speranza.
Mio Signore, sono così felice di poterVi confidare questo amore smisurato, questa favola che vivo con ardore e sincerità, come un fiume in piena che inghiotte i miei orgasmi in flutti rovinosi.
Mia madre Ludovica di Wittelsbach mi ha donato un gioiello e mi ha insegnato che l'amore non si vince, si possiede. Ebbene io regalerò questo gioiello a lei, che possiede tutta la mia vita.
Mio Signore, io sono bizzarra, lo so... ma credetemi, per nulla al mondo vorrei perdere questo elisir di vita eterna che Eugenia mi dona con la sua presenza ed il suo ardore.
Mio Signore, odo il suono del consueto segnale che lei mi manda, devo andare ora.
Rapita dal suo sorriso e dai suoi baci corro da lei, luce dei miei occhi.
Arrivederci.
Vostra devota.

L'infermiere del turno di notte chiuse il piccolo quaderno con la copertina di pelle nera, lo appoggiò sul comodino, spense la luce e la guardò. Si era addormentata nel suo delirio, il viso disteso ed un piccolo sorriso fra le labbra.
Anche per quella notte, come tutte le notti, avrebbe avuto un incantevole atto d'amore, stretta nella sua pazzia dai mille riflessi d'altri tempi.
Chiuse la porta e le soffiò un bacio...
Buonanotte Principessa Sissi.

Thierry59

Biblioteca
 
Community
Redazione RS
Novità
Biblioteca

Biblioteca

 
.: RossoScarlatto Community :.