Racconti Erotici - RossoScarlatto Community
Amazon Book Store Izabel Nevsky Racconti Erotici Racconti Erotici Racconti Erotici Proponi racconto alla Redazione RossoScarlatto Village Community Registrazione Community Forum Racconti Erotici Racconti Erotici Online gratis Writer Officina
RossoScarlatto Community
.: :.
Racconto n° 5201
Autore: Nikitaverdeveleno Altri racconti di Nikitaverdeveleno
Aggiungi preferito Aggiungi come Racconto preferito
Contatto autore: Scrivi all'Autore
 
 
Lettori OnLine
 
Romanzi online
 
Exchange, l'ultimo passo prima del buio. Perfidia, il desiderio oltre la ragione Velvet, donne al di sopra di ogni sospetto. Thunderstorm, un incontro sotto la pioggia La casa di Naamiin, il confine della luce. Stranger, uno scandalo politico francese Thunderstorm III, l'epilogo inaspettato Oppium, la via della perdizione assoluta. Una Storia, cronaca di un mistero irrisolto The Dreamer, alla ricerca del sogno proibito
 
 
Mi arrendo
Sotto pelle.

Sotto la traccia dei miei pensieri.

Cerco di seppellire il desiderio che ho di te, ma sei un veleno per cui non trovo antidoto.

I tuoi lati spigolosi, complessi, quello che mi mostri, la tua superficie.

Ma come un vino invecchiato in barrique, mi fai immaginare che, assaporandoti, mi sorprenderesti con gusto più morbido.

Mi fai vivere in uno stato di continua allerta.

Scateni la mia fantasia, sempre.

Anche quando mi fai arrabbiare.
Anche quando mi ferisci.
Anche quando ti allontani.
Anche quando è solo e sempre no.

Se sono a cena, come ieri sera.

Mi rigiravo quel calice tra le mani, presente eppure altrove...l'improvviso, insensato e fuori contesto pensiero di cosa potresti farmi.

Il vino, senza esagerare mai, mi libera dalla razionalità, allenta il controllo sul lato oscuro.

Il liquido che scendeva piano, a piccole dosi, solleticandomi un pò la gola.

Perchè​ vedevo i tuoi occhi a sfidarmi, tu ed io seduti ad un tavolo che non era il mio e nemmeno il tuo?

In un altrove senza definizione.

Perchè ho immaginato così bene la scena...di te che giochi con il comando di quel piccolo, discreto ma invadente aggeggio che mi avresti chiesto di indossare, facendolo sparire tra le pieghe del mio sesso?

Perchè ho sentito davvero il piacere invadermi la mente,​ e il corpo tutto?

Perchè ho immaginato il tuo sguardo, mentre scrutavi le espressioni del mio viso ogni volta che, senza preavviso, azionavi quell'infido giocattolo, o ne variavi l'intensità?

Perchè non è bastato regalarmi un rapido, intenso, solitario orgasmo, per quietare l'eccitazione?

Perchè mi sono svegliata esattamente nello stesso stato mentale, come se l'interruttore non fosse mai andato in Off?

Perchè stamani vagavo tra le corsie del supermercato, cercando di concentrarmi su quella benedetta lista, e non facevo che sentire il prepotente desiderio di incontrarti, il desiderio delle tue mani, del tuo sesso, della tua bocca e della tua lingua?

Perchè sono impotente di fronte a queste sensazioni, incapace di arginare il mio corpo e la mia mente, anche ora, mentre ti scrivo?

Mi arrendo...

Giochiamo.



Nikitaverdeveleno

Biblioteca
 
Community
Redazione RS
Novità
Biblioteca

Biblioteca

 
.: RossoScarlatto Community :.