Racconti Erotici - RossoScarlatto Community
Racconti Erotici Racconti Erotici Racconti Erotici Racconti Erotici Proponi racconto alla Redazione RossoScarlatto Village Community Registrazione Community Forum Racconti Erotici Racconti Erotici Online gratis
RossoScarlatto Community
.: :.
Racconto n° 753
Autore: Laura Altri racconti di Laura
Aggiungi preferito Aggiungi come Racconto preferito
Contatto autore: Scrivi all'Autore
 
 
Lettori OnLine
 
Romanzi online
 
Social Game, la tentazione che viene dal Web The Dreamer, alla ricerca del sogno proibito Foreign Affairs, incontri ravvicinati troppo pericolosi My Story, il coraggio di affrontare la verità Timeline, i viaggiatori del tempo Perfidia, il desiderio oltre la ragione Thunderstorm, un incontro sotto la pioggia La Setta, un viaggio alla ricerca del piacere estremo. Diario dal Sahara, un viaggio tra le grandi dune del deserto. Meraki, alla ricerca dell'anima
 
 
Il ricatto
Lo so, è inutile nasconderlo, ormai mi conosco. Posso resistere a molte tentazioni ma non a quelle che arrivano direttamente alla parte più sporca del mio cervello. Non è un segreto che io preferisca una donna come compagna; vivo con una donna, faccio l'amore con una donna e condivido con lei ogni emozione della mia vita. Eppure non mi considero una seguace di Saffo.

- Sei una lesbica della peggiore specie! - E questa l'offesa che mi fa più male e l'ultimo uomo ad avermela gridata è stato Marco davanti ai suoi amici. Tutto perché ho rifiutato il suo invito a cena, romantico ma chiaramente provocatorio e non rinnego le mie responsabilità nei suoi confronti, fa parte del gioco, fa parte della mia strategia.

E' vero, corteggio i bei ragazzi in modo assolutamente perverso ma è solo un modo per arrivare alle loro donne perché è il modo migliore che conosco per godere. Non mi importa se devo soddisfarli entrambi, non mi tiro indietro neppure di fronte alle proposte più oscene se alla fine posso ottenere ciò che mi sono prefissata. E che non mi si porti una professionista del settore, o una fidanzata affittata a ore, io pretendo la compagna emotiva della loro vita e la voglio tutta per me.

Mi piace affossare la bocca tra le sue gambe volgendo la schiena al pegno da pagare, non faccio isterismi, non pongo limiti o altre condizioni quando la mia lingua è dentro di lei. Marco questo non l'ha capito o forse non ha avuto il coraggio di confessarlo a Chiara, troppo abituato a nasconderle le sue storie di sesso per timore di essere ricambiato in egual maniera.

Lei invece non lo avrebbe mai escluso a priori, lo so perché conosceva i miei gusti e le mie manie, ne abbiamo parlato diverse volte e percepivo la sua eccitazione di fronte al racconto delle mie precedenti esperienze. Quando finalmente le confessai che mi intrigava l'idea di passare una notte con entrambi, aveva sorriso declinando immediatamente l'invito, eppure nei giorni che seguirono tornò spesso sull'argomento mostrandosi sempre meno scandalizzata.

- Perché io e prece lui? - aveva chiesto, assicurandosi che in Redazione fossimo rimaste sole; quel giorno era venuta in ufficio con abitino di Krizia che mi lasciava immaginare ogni cosa senza mostrarmela davvero. - Perché impazzisco all'idea di scorrere la lingua dentro la tua carne rosea e profumata, - risposi - di rovistare nell'umida giunchiglia senza concederci un attimo di pace e di succhiarti avidamente fino a farti gridare.

Ebbe un attimo di sbandamento. La vidi mentre con aria furtiva abbassò una mano sul ventre, deglutì fingendo un colpo di tosse e domandò che c'entrasse Marco in tutto questo. - All'inizio gli concederei di guardarci, - continuai - poi gli sbandiererei sotto al naso le mie chiappe magre, nervose e abbronzate, inarcando la schiena fino a spremere gli umori che mi agitano dentro.

- Potrebbe pretendere da te quello che io non gli ho ancora dato, - ammise Chiara - in quella posizione sarebbe una tentazione irresistibile.

No, non è mai stato un problema sentirmi aprire come un'albicocca matura e nemmeno distinguere confusamente le dita che rovistano in ogni pertugio. In quei momenti sono fuori di me e non vorrei mai rientrare, poco importa se un'asta carnosa mi si infila su per gli intestini, strappandomi la pelle becera con lunghi colpi estenuanti. E' quella fitta insistente che mi da la forza di perdere la testa, quel sentirmi piena e spossata mentre spingo il naso tra le gradi labbra e ogni spinta diventa un piacere così intenso da trascinarmi via insieme all'orgasmo.

- Chiedilo a lui, - si era limitata a rispondere - è Marco che, in queste cose, decide per entrambi.

Lui, l'uomo, il maschio, il conquistatore... si ringalluzzì non poco quando in ascensore mi appoggiai al suo pisello in tiro, piegandomi in avanti per premere il pulsante, e quasi stramazzò al suolo quando ammisi che l'arrivo dell'estate mi stava mettendo addosso una voglia di sesso mica male. Mi appoggiò la sua bella mano curata sul sedere, infilandomi le dita nel solco, sorrise e buttò lì quell'invito a cena.

Glielo dissi chiaramente, senza giri di parole: - Vengo a letto con te se mi fai scopare Chiara. Si... non stare a ragionarci, è un ricatto bello e buono, spudorato ma allettante per entrambi.

- Scopare come? - cercò di prendere tempo - Chiara non è il tipo che si da via così facilmente.

- Scopare in ogni maniera possibile e immaginabile, - provai a chiarirgli ogni dubbio - leccandola, penetrandola con le dita, con un bel nerbo finto, con un grosso vibratore... insomma, come farebbe il più porco dei tuoi amici ma con l'eleganza di una donna.

- E in cambio io cosa potrei fare?

- Quello che ti pare, - gli confessai - in quei momenti perdo il senso della vergogna e della misura.

Una lesbica della peggior specie, è così che mi schernì di fronte a quel suo stupido gruppo di "amici per le palle". Forse era un modo per non cedere subito al ricatto, oppure per nascondere il suo fanciullesco imbarazzo di fronte ad una proposta tanto ardita. La settimana successiva arrivarono entrambi vestiti come per un gala di moda, entrarono nel mio appartamento in centro guardandosi attorno spauriti, si accomodarono con calma sul divano di pelle giallo ed esordirono chiedendo cosa avrebbero dovuto fare.

Non avrei mai immaginato che Chiara fosse così calda, d'altronde si può lavorare fianco a fianco per anni con una collega senza mai scoprire che sia pluriorgasmica, almeno finché non si abbia modo di penetrarla con un doppio fallo nerboruto che le gonfi la clitoride fino a farla scoppiare. Da che ho cambiato i miei gusti sessuali non avevo mai goduto di un'amica a quel modo e con una simile intensità. Per quanto riguarda Marco è stata invece una sorpresa, si dice spesso che l'occasione faccia l'uomo ladro, e lui ha fatto man bassa di me in ogni maniera.

Lo so, per lui e per i suoi stupidi amici resto una lesbica della peggiore specie, ma in ufficio c'è un'aria nuova... un modo diverso di lavorare e un'amica in più con cui uscire da sole la sera.

Laura

Biblioteca
 
Community
Redazione RS
Novità
Biblioteca

Biblioteca

 
.: RossoScarlatto Community :.