Racconti Erotici - RossoScarlatto Community
Racconti Erotici Racconti Erotici Racconti Erotici Racconti Erotici Proponi racconto alla Redazione RossoScarlatto Village Community Registrazione Community Forum Racconti Erotici Racconti Erotici Online gratis
RossoScarlatto Community
.: :.
Racconto n° 892
Autore: Enchantra Altri racconti di Enchantra
Aggiungi preferito Aggiungi come Racconto preferito
Contatto autore: Scrivi all'Autore
 
 
Lettori OnLine
 
Romanzi online
 
Stranger, uno scandalo politico francese Una Storia, cronaca di un mistero irrisolto Whore, una strada senza ritorno nel mondo delle Escort di lusso. Confidence, le confessioni di una escort Perfidia, il desiderio oltre la ragione Rebel, una moglie al di sopra di ogni sospetto La collina dei ciliegi, trasgressioni inaspettate. Destiny, un incontro avvenuto per caso Il Diavolo e la Contessa, sogni fuori da ogni controllo Velvet, donne al di sopra di ogni sospetto.
 
 
Padrone
Si era trovata il messaggio nella posta elettronica e, leggendolo, si era sentita percorrere la schiena da uno strano brivido: paura, desiderio, emozione.
La sua ricerca nella curiosità umana l'aveva portata spesso a pensarsi preda e sottomessa ma non mai aveva pensato che le sue parole gettate al web avrebbero potuto sortire una risposta altrettanto forte e intensa.
C'era un Padrone, lì impresso nel monitor, cui dare una risposta, un Padrone cui rivolgere una esplicita richiesta, cui offrire un assenso preciso.
Poteva rinunciare, sì... poteva farlo, ma era spinta da un desiderio consapevole per estrapolare quella parte di sé stessa mai confessata che le aveva spesso roso l'anima. E questo era il momento per farlo.
Le dita iniziarono a scrivere indipendentemente dalla testa. Non c'era ragionamento, raziocinio, padronanza di sé: in quel momento sentiva solo il desiderio di afferrare il lembo di un nastro colorato di rosso, una rosa purpurea, che le venivano offerti, così come ai bambini viene offerta la caramella dal - mostro - .
Risposta inviata.
Ora non poteva far altro che aspettare che il suo Padrone rispondesse, che lui accogliesse la sua supplica...
I giorni passavano e Marta era sospesa: lui non aveva ancora accettato... lui non la voleva ancora... lui voleva che la sua Schiava aspettasse i suoi ordini... Lui voleva goderne l'ansia dell'attesa.
Finché, inaspettatamente come il primo messaggio, arrivarono le istruzioni per contattarlo telefonicamente.
- E' indispensabile che così sia, e tu lo sai bene.
Il mio possesso di te si nutrirà e si fortificherà della tua vera volontà di sottomissione che dovrà esser pura essenza.
Ti prenderò appieno se sarò preso dal tuo sicuro chinar di capo e sarà esaltante, poi, prender di te anche la pelle.

Questo le scrisse, questo Marta accettò di vivere... Era la sua testa che bramava così tanto... era la stessa testa china che chiedeva di essere alzata dal suo Padrone...

Il primo approccio era importante per donargli la sua dipendenza e lei, ancora vergine di tale esperienza, era pronta a passare attraverso la benda posata sugli occhi, trapassarla per raggiungere la sua essenza, donargli la sua, prima che egli raggiungesse la sua pelle...
Marta voleva il suo buio per trovare la luce con lui ...

I giorni passavano e Marta obbediva agli ordini che le arrivavano in posta finché il momento arrivò: il suo Padrone desiderava incontrarla e Marta tremò. Il momento era arrivato...

L'appuntamento era in un vecchio casale. Lei doveva arrivare in macchina, da sola. Avrebbe dovuto aprire la porta, entrare ed aspettare.
Così fece...
Dietro l'uscio la accolse una grande stanza, illuminata dal fuoco vivo e caldo di un camino acceso e le finestre erano oscurate da pesanti tende di velluto che impedivano alla luce di entrare. Di fronte al camino un divano d'epoca sembrava invitarla ad accomodarsi, ma non poteva, gli ordini erano stati precisi...
Come da istruzioni si pose al centro della stanza in attesa di qualcosa, di qualcuno, di un ordine da eseguire.
Una porta si aprì e la sua voce le ordinò di chiudere gli occhi...
Marta non era nuda come dovrebbe esser una schiava, ma avvolta da una specie di tunica setosa e stretta la quale, anziché vestirla, pareva esaltare la sua sottostante nudità... Da questa preziosa fasciatura, come grossi spilli i capezzoli parevano esplodere mentre il ventre e le cosce ne venivano maliziosamente torniti.
Lui si avvicinava, la spingeva dolcemente indietro impedendole di cadere. Marta era ormai nelle sue mani, quelle mani che la bendavano, la legavano alla trave del soffitto, le legavano le caviglie ai due pali laterali: si sentiva un erotico fuso disteso tra terra e cielo per il suo Piacere.
Marta si accorse che il suo Padrone frenava la sua Voglia di aprirle le gambe e si accorse che un pensiero, un gioco nuovo, una verifica, altro comunque gli passava per la testa che il solo soddisfacimento del suo membro dentro la bocca di Marta od al bollore del suo inguine..
Il suo Padrone non parlava... ma lei poteva quasi sentirne i pensieri.
Un improvviso sibilo vicino al suo orecchio e una carezza strana, sottile che le percorse la pelle, coperta od esposta, le scossero le membra.
Lui non aveva fretta, non ne ha mai.
Sentiva il bastoncino frugarle la fascia setosa che avvolgeva il suo corpo. Lo sentiva infilarsi tra i seni, il sormonto. Lo sentiva ritrarsi e riprendere, da sotto, la sua ispezione come un dito impertinente frugarle il sesso, penetrarla, strusciarsi e bagnarsi dei suoi umori, tanto che Lui era costretto a portare alla sua bocca il bambù per nettarlo prima di... colpirle i capezzoli facendola sobbalzare... e gridare, più che per il sottile dolore, per il fatto che non se l'aspettava.
Marta si stava adagiando in quelle carezze...
E lui continuava, cambiando di forza e tempo, a batterla con precisione di millimetro sui suoi capezzoli doloranti...
- Non ti rimarranno segni ma per qualche giorno ogni carezza al tuo petto ti ricorderà di me – le disse lui con tono basso, suadente, paterno...
Marta gli chiedeva di continuare, di batterla di più mentre lui alternava quei colpi ai suoi capezzoli con altri precisi e profondi affondi al suo inguine...
Marta tremava di piacere, ora che le aveva dato il permesso di gridare stava godendo ancor più ed il suo corpo si inarcava nell'intento di chiedergli di più, di più..

Quello che non Marta non sapeva perché non poteva vedere, quello che nel suo piacere gridato forse non poteva neppure immaginare, era quella chiazza scura che si era fatta alla sommità delle sue cosce e che, mentre si allargava lentamente verso il suo monte di Venere, scendeva con più forza a bagnare la stoffa stretta ai suoi muscoli pulsanti, sotto il centro del tuo piacere.
Lui la prese, affondando nel suo sesso ormai gonfio e ammorbidito dal continuo smottamento fisico. La prese con dolcezza sciogliendole le membra legate, affinché lei potesse godere appieno del suo corpo...
Lui l'amava e in quel momento Marta divenne consapevole che il suo Padrone altri non era che il suo Schiavo.
Regalo migliore non poteva fargli, lei, la sua schiava, che la consapevolezza reciproca.

Enchantra

Biblioteca
 
Community
Redazione RS
Novità
Biblioteca

Biblioteca

 
.: RossoScarlatto Community :.