Racconti Erotici - RossoScarlatto Community
Racconti Erotici Racconti Erotici Racconti Erotici Racconti Erotici Proponi racconto alla Redazione RossoScarlatto Village Community Registrazione Community Forum Racconti Erotici Racconti Erotici Online gratis
RossoScarlatto Community
.: :.
Racconto n° 3465
Autore: Alemar Altri racconti di Alemar
Aggiungi preferito Aggiungi come Racconto preferito
Contatto autore: Scrivi all'Autore
 
 
Lettori OnLine
 
Romanzi online
 
Remember, fantasmi dal passato. The Game, il gioco del sesso e della follia. Cuba Libre, un sensuale incontro nella magia di Cuba Confidence, le confessioni di una escort Voyeur, esperienze di una donna senza pudore. Madame, i segreti di una signora per bene. Il Diavolo e la Contessa, sogni fuori da ogni controllo Darkness, cronaca romanzata di una messa nera. My Story, il coraggio di affrontare la verità Thunderstorm, un incontro sotto la pioggia
 
 
Rendimi liquida
Rendimi liquida. Ancora.
Di voglia che profuma di te, di desiderio che attanaglia senza lasciare spazio ad altro. Occupa i pensieri, fagocita l'essenza, diventa l'oblio nel quale voglio perdermi, senza fare ritorno.
Ho una necessità quasi fisica di sentirmi morsa, di portare i segni di questa follia iniziata in un giorno senza tempo, dentro un colore che oggi non so più definire.
Dentro l'ambrato di uno sguardo che stordisce più dell'alcol. E' un delirio, è un virus latente, che ha lavorato le pareti del mio cuore, modellandole come creta. Si, sono divenuta creta, femmina dentro il calco di una mano forte, gestita da un polso fermo, deciso. Come il fremito che mi attraversa ora, di cui conservo gelosa, l'eco.
Avevo chiuso una porta, un giorno d'inverno.
Dopo tanto sussurrare, sei tornato. Non hai più bussato come in precedenza,spinto da una pulsione atavica hai sfondato i cardini sui quali giaceva la mia poca determinazione, e hai violato uno spazio che avevo deciso di mantenere inviolato.
Una violenza di carne e di cuore, uno strazio che mi ha resa livida per troppa passione.
Mi hai resa liquida in quella notte fitta di nebbia, mi hai annegata nel vino, stordendomi con il tono della tua voce, con il bianco del tuo sorriso.
Ma di te non ricordo i sussurri, né i gesti gentili. Di te conservo l'animale mai domo, l'istinto di un uomo così travolgentemente deciso da stravolgere completamente la mia capacità di gestire preda e cacciatore. Mi hai insegnato sbattendomi contro un muro bianco e gelido, che le parti si possono invertire, che arrivi sempre quando vuoi. E ti prendi ciò che vuoi, perché ciò che vuoi è tuo con l'anticipo della determinazione. Bloccata contro questa consapevolezza, mi sono persa, languidamente. Ho abbassato le difese, ho lasciato che il tuo fiato mi raccontasse storie inaudite, ho lasciato che la tua voce mi incantasse i sensi.
E già pregna di te, anelavo l'attacco, il morso. L'umore denso e opalescente.
Hai gridato in quella notte di nebbia e freddo, hai urlato il mio nome infrangendo un silenzio antico. E mi hai dimostrato che posso anche sbagliarmi, e che lo sbaglio può essere piacevole, se porta ad una verità sorprendente, che confonde i pensieri e fa tremare le viscere.

Rendimi liquida. Ancora.
Perché ho voglia di sentirmi ancora come quella notte, ho voglia di perdermi nuovamente nell'ipnosi di quella spirale che hai costruito intorno a me e dentro di me, dove tra le vette del mio ego, hai fatto il nido. Proprio dove l'azzurro diventa cobalto, e il respiro è più affannato, perso dietro ai pensieri osceni di questo delirio senza capo né coda.

Non voglio altro per me, se non questa follia che ha restituito vigore al battito del mio cuore. Voglio viverti attraverso la mia pelle, voglio portare il tuo marchio ovunque.
Voglio sentirmi liquida, ancora, sempre.


Alemar

Biblioteca
 
Community
Redazione RS
Novità
Biblioteca

Biblioteca

 
.: RossoScarlatto Community :.